MISSIONE AZIENDALE

Migliorare e far crescere costantemente l’Azienda, ricca di professionisti che credono nella Conciliazione come prestazione di valore, per introdurre innovazione e capacità competitiva.

LA NOSTRA MISSIONE È

·     rendere la Mediazione non uno strumento sostitutivo del ricorso al giudice,  ma il  metodo appropriato di risoluzione dei conflitti, una "risorsa aggiuntiva" per  prevenire o abbattere il contenzioso, lo strumento per raggiungere  con più efficacia obiettivi e risultati.

·         professionalizzare tecniche specifiche per il Mediatore e per il professionista in Mediazione;

·         valorizzare la  “Mediazione virtuosa”;

·    creare  il Modello di Organismo  in grado di competere con successo nei diversi contesti di mercato con l'obiettivo  di migliorare la sostenibilità congiunta del sistema  Sinistri - Mediazione.

 

La nostra visione aziendale alimenta la cultura della Mediazione assumendone i principi ed i valori, ma anche le attività del business, per gestire in modo sempre più competitivo le sfide del Mercato.

  • Ogni attività di SPLA CONCILIAZIONI è  impostata sempre  nell'ottica il più possibile orientata non solo alla parte istante, ma anche e soprattutto alla parte invitata, tenendo conto dei  bisogni e delle esigenze rappresentate, nella logica di soddisfare e di (tendere a) superare le loro stesse aspettative.

La nostra esperienza e quella di altri organismi, con cui è quotidiano il confronto, insegna che l’attività di contatto della parte invitata costituisce quella tra le più “sensibili” di tutto l’iter della procedura propedeutica alla conciliazione. Il dato relativo alla “contumacia”rappresenta il modus operandi di un Organismo e ne misura l’efficacia e l’efficienza. L’avvio di una procedura destinata “all’estinzione per mancata comparizione,” della parte invitata o peggio ancora di tutte le parti,  farebbe diventare l’Organismo solo un “attestificio” di verbali di mancata comparizionecosì svilendo la competenza e  le risorse professionali impiegate nel procedimento.  La  nostra “filosofia di lavoro”, la nostra organizzazione e gli obiettivi che intendiamo perseguire  non sono orientati in tali sensi.

TORNA SU